cane in ufficio

CANI IN UFFICIO: A MILANO SI INIZIA DA ATS

Il banco di prova vede impegnata la città di Milano che per rendere possibile l’accesso degli animali domestici e dei cani in ufficio, stila un regolamento che prevede prima l’ok dei colleghi e il rispetto dei vaccini obbligatori, oltre a stipulare una polizza assicurativa.

CANI IN UFFICIO: DAL 26 NOVEMBRE E’ POSSIBILE 

A partire dalla giornata del 26 novembre i dipendenti ATS di Milano potranno portare sul luogo di lavoro il proprio cane.

La novità, ufficializzata nel corso di una conferenza stampa dall’assessore regionale al Welfare Giulio Gallera, segue la possibilità degli animali ad accedere in alcuni reparti ospedalieri. L’assessore si dice convinto che la presenza degli animali domestici, possa rendere l’ambiente di lavoro più sereno e migliorare quindi la qualità della vita dei dipendenti e la loro produttività.
Non è la prima volta che in Italia si avvia un provvedimento del genere, che è già realtà in alcuni uffici genovesi. Anche Purina un anno fa ha effettuato un sondaggio per verificare l’idoneità della presenza degli animali domestici sul luogo di lavoro, che è già possibile in alcune zone d’America.

Alla presentazione anche Edoardo Stoppa, regista del video dell’associazione Amoglianimali Onlus postato qui sopra, che si prefigge l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica sui benefici generati dalla presenza degli animali da compagnia sul luogo di lavoro. 
L’inviato di Striscia La Notizia, che ha diretto nel video la moglie Juliana Moreira, Gabriele Cirilli e la border collie Luna, ha dichiarato che:

“Gli animali amano stare vicini ai proprietari e se possono entrare in ospedale o in ufficio ne guadagnano in benessere. Ancora una volta Milano e la Lombardia sono il motore di iniziative che sembravano impensabili e che spero possano essere replicate anche in altre Regioni”

IL REGOLAMENTO PER PORTARE IN UFFICIO IL PROPRIO ANIMALE 

L’accesso è però regolamentato da una serie di norme da rispettare. Illustrato dal direttore dell’ATS Marco Bosio, il regolamento riguarda il personale che lavora negli uffici e non nei reparti.
Gli animali (cani e gatti) ammessi nei luoghi di lavoro devono pesare meno di 25 kg, disporre di microchip ed essere in regola con tutte le vaccinazioni.
Non solo, affinché possa essere possibile portare il proprio amico peloso a lavoro, il proprietario dovrà presentare una domanda al capo-ufficio e la presenza dell’animale dovrà essere concordata con i colleghi. I proprietari infine, dovranno inoltre disporre di una polizza assicurativa.  Gli animali sopra i 25 kg o altre specie di animali, necessiteranno dell’autorizzazione dei veterinari di ATS.

Conclude l’assessore regionale Giulio Gallera: 

“Quella di Milano è una prova, ma abbiamo già aperto un tavolo con tutti i direttori delle Ats per estendere il regolamento: l’obiettivo è adottarlo entro metà 2019 in tutte le altri sedi regionali”

 

 

CANE IN UFFICIO, ecco la ricerca di IPSOS per PURINA

 

Tags:
0 Comments

CONTATTI

Scrivici, ti risponderemo appena possibile.

Sending

© 2019 BauSocial.it - Powered by RCNetwork.it - P.I. 08684880969

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

Create Account